Maltempo a Bari, l'appello di Emiliano:

Maltempo a Bari, l'appello di Emiliano: "Serve sangue, andate a donare"

Prospero Rigali
Gennaio 11, 2017

In totale, afferma il Centro, sono oltre 2600 le unità mancanti. L'emergenza sangue, causata anche dalla combinazione di una stagione influenzale particolarmente dura e del maltempo, ha toccato nove regioni, tanto da indurre il Centro Nazionale Sangue a fare un appello su tutto il territorio nazionale ai donatori.

La regione con le maggiori carenze è il Lazio ma situazioni critiche si registrano, secondo i dati aggiornati ad oggi, in Abruzzo, Toscana, Campania, Basilicata, Liguria, Umbria, Marche, Lazio e Puglia. Infine viene ribadito che "solo le Istituzioni e le Associazioni hanno titolo nell'inviare appelli alla cittadinanza e che ogni altra provenienza (social network, SMS o e-mail) è inattendibile". Nonostante questa situazione, comunque, grazie agli sforzi dei Servizi trasfusionali e delle associazioni di volontariato, il sistema regionale è riuscito a far fronte a diverse emergenze, come l'effettuazione di numerosi trapianti, o gravi incidenti, ovviamente non prevedibili, che hanno comportato peraltro l'azzeramento della scorta dedicata alle maxiemergenze. "Le Associazioni e Federazioni dei donatori di sangue - sottolinea Aldo Ozino Caligaris, portavoce protempore del CIVIS (Coordinamento Interassociativo dei Volontari Italiani del Sangue) - devono intensificare la chiamata dei donatori periodici e associati sulla base di quanto concordato con le Strutture Regionali di Coordinamento attraverso una programmazione straordinaria per cercare di sopperire alle necessità contingenti". Una riserva di sangue che soddisfi il fabbisogno della nostra comunità è quindi una garanzia per la salute di tutti, donne, uomini, giovani, vecchi, bambini, compresi noi stessi e le persone che ci sono più care. "Voglio chiedere ai militari, alle forze dell'ordine, a tutti coloro che possono dare una mano, di aumentare il livello delle donazioni".