Emergenza neve, il ministro Martina:

Emergenza neve, il ministro Martina: "Pronti a dichiarare lo stato di calamità"

Prospera Giambalvo
Gennaio 11, 2017

"La campagna di raccolta degli agrumi è fortemente colpita". Si esprime così il deputato regionale Nello Dipasquale.

"Ci sono gli strumenti, per questo ho avviato immediatamente la procedura per ottenere il riconoscimento dello stato di calamità naturale".

Considerata l'ondata di freddo polare che nella prima decade del mese di gennaio si è abbattuta nell'Italia meridionale ed in particolar modo in tutta l'isola, nell'hinterland e nel territorio di Niscemi e che ha causato danni irreversibili all'agricoltura ed in particolar modo alle piantagioni di carciofo e di ortaggi coltivati a pieno campo, la Giunta comunale presieduta dal sindaco Francesco La Rosa, ha deliberato la richiesta al Governo regionale della dichiarazione dello stato di calamità naturale. Come Ministero siamo pronti a dichiarare lo stato di calamità appena arriverà richiesta dalle Regioni interessate.

Il primo cittadino ha già contattato i colleghi sindaci Giuseppe Limoli di Ramacca, Gino Ioppolo di Caltagirone, Enzo Marino di Mazzarino, Luigi Casisi di Butera, Giovanni Moscato di Vittoria e Franco Raffo di Acate, per l'istituzione di un tavolo di coordinamento per i danni all'agricoltura. A questo si aggiungono i gravi disagi per gli allevamenti e, in certe zone, animali a rischio sopravvivenza a causa delle temperature rigide e della mancanza di acqua per via delle condotte ghiacciate. "Una situazione che non si registrava da decenni e che non potrà che creare delle implicazioni di carattere economico per tanti agricoltori e imprenditori e una situazione drammatica per un intero settore già duramente provato dalla crisi e della emergenze fitosanitarie".