Boldrini a Gentiloni: buon lavoro Paolo

Boldrini a Gentiloni: buon lavoro Paolo

Aldobrando Tartaglia
Dicembre 14, 2016

M5s, a quanto si apprende, è stato convocato per domani alle 12 alla Camera per le consultazioni con il presidente del Consiglio incaricato Paolo Gentiloni: il Movimento, si apprende ancora, ha però deciso di non partecipare all'incontro.

"Sono consapevole dell'urgenza di dare all'Italia un governo nella pienezza dei poteri, per rassicurare i cittadini e affrontare con massimo impegno e determinazione le priorità internazionali, economiche, sociali, a iniziare dalla ricostruzione delle zone colpite dal terremoto", ha detto lo stesso Gentiloni al termine dell'incontro con il presidente Mattarella. E Ala ha annunciato che non voterà la fiducia al governo Gentiloni.

Le posizioni politiche in campo - Berlusconi ha bocciato le larghe intese ma è pronto a sostenere il governo che nascerà, fino alla nuova legge elettorale. "Ma non è il ministro degli Esteri?", risposta esatta, ma dietro il semisconosciuto Gentiloni c'è di più. "Renzi, tutto il suo governo, e il Pd hanno fallito".

La scusa ufficiale è che occorrano soprattutto per rifare la legge elettorale. Lotte violente a Milano, più moderate a Roma, location quest'ultima che fa da sfondo all'azione del "rivoluzionario" Gentiloni, sempre elegante e pacato durante le manifestazioni, mai rabbioso nella difesa di quegli ideali condivisi dal Movimento ma diversamente espressi nella Capitale e a Milano. Oggi il PD, Mattarella e Napolitano si inventano il quarto Premier non eletto da nessuno, la fotocopia sfigata e inutile di Renzi. Anche il leader del Nuovo Centro Destra, Angelino Alfano, resterà certamente nelle fila dell'esecutivo, anche se potrebbe traslocare dal Viminale verso la sede di un nuovo dipartimento ( non esclusa la possibilità proprio della Farnesina). Ma è con Nuova Ecologia, il magazine di cui diviene direttore, che avviene la vera svolta: abbandonati gli ideali della prima giovinezza, abbraccia la causa ambientalista, emblema di quella rivoluzione culturale a sinistra che ha imposto un ripensamento del concetto di sviluppo. Ha diretto per otto anni il mensile di Legambiente e ha fatto amicizia con Francesco Rutelli. È il 1993. Rutelli lo promuove portavoce e assessore al Giubileo e al Turismo. Un paradosso tra due grandi rivali del calcio italiano. Bisogna saper perdere come ha indicato Matteo Renzi.

Roma - A Paolo Gentiloni, l'incarico di formare il nuovo governo.

Alla fine il più contento di tutti è Matteo Renzi. Nel 2012 si è candidato alle primarie a sindaco di Roma, con il sostegno dell'ala renziana del partito, ma è stato sconfitto da Ignazio Marino e David Sassoli.

New entry Anna Finocchiaro, che entra nel governo come ministro delle Riforme, sostituendo quindi Maria Elena Boschi, mentre all'Istruzione arriva Valeria Fedeli al posto di Stefania Giannini, unica "bocciata" del governo Renzi. Tra Mattarella e Gentiloni sembra di capire che c'è piena sintonia. Ricorderemo a questo governo che è illegittimo, che si basa sul tradimento degli elettori. E ciò accade per l'ormai certo esordio dei verdiniani nel governo - a cui si dovranno assegnare caselle occupate - oltre che per le resistenze interne ai dem. Un problema che alcuni commentatori politici hanno pensato potesse essere risolto con 'spacchettamenti' di ministeri per fare spazio ad Ala, ma che molto probabilmente è destinato a restare solo una suggestione.