Gli affidano paziente psichiatrico, badante lo uccide

Aldobrando Tartaglia
Dicembre 2, 2016

- Era un paziente difficile da gestire, e alla fine lo ha ucciso a percosse. La vittima è Tullio Cantore, 52 anni, morto in seguito alla grave emorragia interna provocata dalle percosse. Manuel Antonio Ramirez Fuentes, il badante peruviano che ne aveva denunciato la morte, sostenendo che i lividi sul corpo della vittima fossero dovuti alle sue frequenti cadute, ha confessato di averlo ucciso, esasperato dalle difficoltà nell'accudirlo.

Nella mattina del 18 novembre, personale dell'Ufficio Prevenzione Generale, del Commissariato "Dora Vanchiglia" e della Squadra Mobile è intervenuto in corso Belgio 139 a seguito di una segnalazione, di un decesso in abitazione, giunta da operatori del 118. Non è escluso che l'inchiesta prosegua per accertare se ci siano state irregolarità nell'affidamento del malato. Da un primo esame del cadavere nessun ematoma appariva essere la causa del decesso. Gli elementi indiziari raccolti successivamente dal personale del Commissariato Dora Vanchiglia, insieme alle contraddizioni nelle quali sono incorsi il badante e la sua convivente, sono state determinanti per la Procura della Repubblica di Torino.