Obesi e fumatori in coda nelle liste di attesa

Obesi e fumatori in coda nelle liste di attesa

Prospero Rigali
Novembre 30, 2016

Decisamente orientata verso la prima opzione, l'azienda sanitaria inglese facente capo al Vale of York Clinical Commissioning Group ha deciso di punire tutti i soggetti obesi e i fumatori presenti sul territorio, andando ad allungare ad arte le liste d'attesa previste per ottenere un intervento chirurgico e costringendo tutti coloro che si trovano in sovrappeso a perdere almeno il 10% del loro peso corporeo per potere accedere ad un intervento chirurgico di routine. Lo riporta anche Forbes. Come spiega il Guardian, i parametri indicati dai medici di Vale of York sono piuttosto rigidi.

Una sorta di discriminazione che ha un unico fine: fare una paternale a chi si ostina a mangiare a sbafo e a fumare nonostante le raccomandazioni dei medici. Ma solo se non riescono a rinunciare alla sigaretta per due mesi. Lo scrive anche il The Guardian.

L'iniziativa, che secondo molti è stata pensata per ragioni di mero risparmio nella spesa sanitaria, ha suscitato un coro di critiche, guidato da una delle figure più autorevoli in fatto di sanità, Clare Marx, presidente del Royal College of Surgeons (Rcs), secondo cui i pazienti "devono essere trattati in base ai sintomi" e non secondo forme di discriminazione. Per rassicurare i pazienti coinvolti - obesi e fumatori è comunque dovuto intervenire un portavoce di Downing Street, facendosi "garante" di quanto promesso dai vertici dell'azienda sanitaria di York.