MotoGp in Malesia, vince Dovizioso Valentino secondo davanti a Lorenzo

MotoGp in Malesia, vince Dovizioso Valentino secondo davanti a Lorenzo

Minervino Buccola
Novembre 2, 2016

Si evidenziano immediatamente infatti le posizioni di un quintetto formato da Iannone, Rossi, Dovizioso, Crutchlow e Marquez.

Meno male che hanno ritardato la partenza di 20 minuti, però con tutta quest'acqua soffro di più. È andata male invece al suo compagno Andrea Iannone, che al ritorno in pista dopo quattro gare per l'infortunio alla schiena rimediato a Misano ha duellato a lungo con Rossi - "mi ha fatto sputare sangue", ha detto alla fine il Dottore - per poi cadere al dodicesimo giro, imitando l'esempio negativo di Marc Marquez e Cal Crutchlow. "Sarebbe stato bello un podio tutto tricolore per dedicarlo a Simoncelli, ma all'inizio Iannone ha massacrato me e poi è sparito.". Ha dovuto aspettare fino alla penultima gara, in Malesia, per alzare quel trofeo che mancava da Donington 2009 e che lo fa diventare il nono vincitore in stagione.

Dovizioso nella bufera ha aspettato, conservato le gomme e spalancato il gas della DesmosediciGp quando il numero 46 andato in crisi con le Michelin. Marquez potrebbe approfittare della lotta tra connazionali ma cade alla curva 11; per il migliore della classe è la seconda scivolata in due gare.

La sua gara ha avuto un "aiuto" anche grazie alla decisione di rinviare lo start di una ventina di minuti: "Dopo la tempesta del warm-up lap c'era molto aquaplaning". Sono contento per il Dovi, è un ragazzo d'oro e un grandissimo professionista che ha un rapporto eccellente con tutti i ragazzi.

La reazione del pubblico della Malesia alle cadute che ci sono state nel Gp di Sepang non è piaciuta né a Marquez né a Lorenzo. Il risultato odierno garantisce a Valentino Rossi il secondo posto nel mondiale alle spalle di Marquez.

Terzo posto per lo spagnolo Jorge Lorenzo, anche lui su Yamaha. Rossi resta al comando seguito da Dovizioso.

Al traguardo giunge 2° Valentino Rossi, che tiene la testa della corsa a lungo, ma alla fine si deve arrendere ad un Dovizioso superiore nell'ultima parte di gara.

Nel week-end d'oro del tricolore bisogna segnalare in Moto2 il secondo posto di Morbidelli (e il quarto di Baldassarri) dietro il bi-campione del mondo Zarco, ma soprattutto l'inno di Mameli era già suonato alla fine di Moto3 causa Pecco Bagnaia, primo davanti a Kornfell e Bendsneyder.