Il Palermo parla cinese, Zamparini:

Il Palermo parla cinese, Zamparini: "C’è l’accordo, si chiude a Natale"

Aldobrando Tartaglia
Ottobre 5, 2016

Il presidente Zamparini conferma: "Ci siamo incontrati con gli emissari del fondo che hanno uffici a Londra, Dubai e in Cina, si procede in maniera positiva".

L'affare dovrebbe chiudersi però sui 150-200 milioni, cifra che permetterebbe ai cinesi l'acquisizione del 75% delle quote societarie e la costruzione dello stadio e l'ampliamento del centro sportivo di Boccadifalco. I tempi? L'accordo preliminare potrebbe essere chiuso nel giro di un mese. Poi, i cinesi potrebbero essere interessati al turismo, ai settori agricoltura e agroalimentare. Con una quota azionaria, sia pure di minoranza, è normale che debba curare i miei interessi e quelli della famiglia, oltre a portare un contributo di esperienza. Il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini ha parlato a Radio Kiss Kiss sulla possibile cessione della società: "Trattiamo la cessione del Palermo sulla base di 100 milioni di euro". Nelle prossime settimane scopriremo se Zamparini avrà davvero il coraggio di lasciare il capoluogo siciliano e la guida del Palermo.

IL PAREGGIO CONTRO LA SAMPDORIA - "A volte gli dei del calcio ti abbandonano e si fanno certi errori". No, troppo presto - ammette Zamparini - ma per Natale credo che il matrimonio si farà e potrebbe arrivare l'annuncio. Resti in dieci e non puoi lasciare un uomo libero davanti all'area quando si aspetta solo il fischio. E invece il campo sembra stia dando ragione proprio al numero uno friulano, che dopo aver assicurato al Palermo attaccanti del calibro di Toni, Cavani e Dybala, sembra aver messo le mani su un papabile nuovo pezzo pregiato per gli schemi di De Zerbi e in futuro per le casse rosanero.