Bagnoli: manifestanti a Roma per dire no

Bagnoli: manifestanti a Roma per dire no

Aldobrando Tartaglia
Settembre 23, 2016

Roma, 23 set. (AdnKronos) - "Siamo qui in difesa della città. Ho capito qual e' la strada che stanno percorrendo cioe' fare come se il sindaco istigasse qualcuno ad agitarsi, noi siamo insofferenti quando qualcuno vuole fare un abuso di fronte al quale meno male che c'e' gente che e' insofferente e non si piega". "Qui in piazza - ha proseguito - ci sono i movimenti e il sindaco, una cosa fino a poco tempo fa impensabile". È una mobilitazione popolare, pacifica, che terminerà appena termineranno gli abusi - ha ammonito -, è l'agorà dei cittadini, la voce di Napoli che parla. De Magistris è rimasto durante la manifestazione accanto all'altoparlante da dove intervenivano i rappresentanti dei diversi movimenti, applaudendoli e assentendo col capo.

La democrazia non si commissaria. Numerosi i manifestanti arrivati, partiti con diversi pullman, ma ci sono stati ritardi per controlli sui pullman a Roma Sud. "Ci vorrebbe un lieto fine per Bagnoli, non può essere una discarica" dice padre Gigi, arrivato con il primo gruppetto di manifestanti. "E' con tale spirito, pertanto, che l'Amministrazione Comunale auspica che la manifestazione possa produrre, come chiesto dagli organizzatori, anche un momento di confronto, nel rispetto di istanze che da più parti del mondo politico e culturale vengono sollevate", conclude la nota. Lo ha affermato il senatore di Sinistra Italiana Peppe De Cristofaro, annunciando la sua presenza al sit-in organizzato a Roma dall'associazione Bagnoli Libera per protestare contro il commissariamento di una vasta area del quartiere.