Milik è più forte di Higuain, lo dicono le statistiche

Milik è più forte di Higuain, lo dicono le statistiche

Prospera Giambalvo
Settembre 21, 2016

Seconda doppietta in quattro partite per Milik in Serie A. La presenza di Milik al centro dell'attacco è diventato irrinunciabile: dei 14 gol segnati fin qui dagli azzurri, ben 13 sono arrivati con il polacco in campo.

I partenopei avranno sul proprio cammino tre appuntamenti fondamentali: Genoa, Chievo e Benfica (queste ultime due partite al San Paolo). Ci si aspetta altro da un giocatore che aspira ad entrare nel giro della nazionale.

I partenopei erano passati in vantaggio per primi grazie ad una prodezza di testa di Callejon, splendidamente servito da un ritrovato Insigne. Finisce così il primo tempo, si va negli spogliatoi.

Tuttavia il Napoli che asfalta il Bologna di Donadoni annichilendolo nei primi quarantacinque minuti, assediandolo all'interno della propria trequarti difensiva, è pura goduria. Ci prova subito Krejci a creare scompiglio nella difesa azzurra ma gli uomini di Sarri liberano bene. Sarri, dal canto suo, resta concentrato. In questo senso: appena il Bologna ha allentato la guardia nella fase di non possesso palla, la differenza l'ha fatta la qualità del Napoli. Un bottino comunque importante che fino alla sfida contro il Bologna sembrava essere difficile da raggiungere.

Siamo al minuto 78.

Dei nuovi acquisti Zielinski s'è inserito con assoluta naturalezza, ma ora la sfida di Sarri è integrare nelle rotazioni anche gli altri acquisti. Nessuno in estate avrebbe puntato un euro su di lui ma per fortuna il campo (Juventus docet), insegna che non bisogna fare pronostici troppo affrettati basandoti solo sul valore sulla carta di un singolo calciatore o su un'intera rosa. Insigne in netta ripresa. Ma davvero Milik, anche questa sera autore di una doppietta, sta facendo dimenticare Higuain?