Sousa:

Sousa: "Noi più fortunati. Bernardeschi mi è piaciuto"

Minervino Buccola
Settembre 20, 2016

E' un Paulo Sousa soddisfatto quello che si presenta ai microfoni di 'Premium Sport' al termine di Fiorentina-Roma. Attivo. Szczesny mi ha detto di non aver visto la palla, coperto com'era dall'attaccante della Fiorentina.

Spalletti per l'ennesima volta si è trovato in conferenza stampa a parlare molto più di Totti che della Roma, all'ennesima domanda sul Capitano il tecnico giallorosso ha punzecchiato la stampa annunciando una sua ipotetica dimissione se il 10 giallorosso dovesse appendere gli scarpini al chiodo per poi uscire abbastanza nervoso dalla sala.

E' una Roma dalle varie sfaccettature quella vista in questo inizio di stagione: quella stravincente che ha distrutto l'Udinese alla prima giornata, quella deludente ed incapace di proporre gioco vista a Oporto, ma soprattutto quella arrancante di Cagliari, di parte dell'incontro con la Sampdoria e della partita contro il Viktoria Plzen. La squadra sta crescendo e vincere una partita contro una squadra come la Roma è sempre piacevole. Sicuramente oggi ci siamo scoperti un po' di più, per velocizzare le nostre transizioni, sbagliando anche molti passaggi.

Le critiche ci sono sempre quando non fai risultati.

Molto bene Sanchez, Kalinic e Ilicic attaccavano poco la porta...

Per Sousa sarà anche importante recuperare un giocatore come Vecino, out dallo scorso 28 agosto (dopo 7 minuti di Fiorentina-Chievo); resta da capire se potrà farlo per la sfida del Friuli oppure si tenterà di averlo a disposizione per la gara contro il Milan. "Comunque la voglia di questi ragazzi è tale da vincere le partite con squadre superiori tipo la Roma". "La partita è stata equilibrata, entrambe le squadre hanno avuto le loro opportunità".

E' sorpreso dal fatto che non subite gol?

Paulo Sousa è un allenatore felice? Borja Valero è un giocatore molto importante, che conosce bene il gioco, ha carisma e trascina la squadra. Gioca bene con palla e senza palla, possiamo utilizzarlo anche per le palle inattive, ci aiuta tantissimo. "Appena finito l'Europeo l'ho chiamato subito per dirgli quanto è importante per me e ora lo stiamo cercando di aiutare per far si che poi lui ci aiuti a vincere le partite".