Bossetti, la lettera dal carcere:

Bossetti, la lettera dal carcere: "Mi vergogno di essere italiano"

Aldobrando Tartaglia
Agosto 3, 2016

Sceglie di raccontare quello che sta provando, quelle che sono le sue emozioni.

A un mese dalla condanna all'ergastolo per il delitto di Yara Gambirasio, Massimo Bossetti ha scritto una lettera al settimanale Oggi, firmandosi 'Vostro Guerriero Massy': "Sono deluso e amareggiato di fronte a tutta questa ingiustizia".

Bossetti infatti non ha patteggiato e si è sempre detto convinto che i giudici avrebbero riconosciuto la sua innocenza. Dopo la sentenza in primo grado, Bossetti fa sapere che "sosterrà con forza, dignità e sempre a testa alta questa pesante e ingiusta mia croce, che porterò con il coraggio che mai potrà mancare agli innocenti". Per ora però, per la legge italiana, è lui l'assassino di Yara anche se per essere condannato in via definitiva, bisognerà attendere altri due gradi di giudizio.

Quantomeno curioso che Bossetti abbia scelto proprio Oggi, la stessa rivista che qualche settimana fa pubblicava senza remore la sua corrispondenza "hot" con Gina, una detenuta del carcere.