A Modena e Correggio due casi di virus Zika, non sono gravi

A Modena e Correggio due casi di virus Zika, non sono gravi

Bruto Chiappetta
Luglio 7, 2016

I Comuni di Correggio, Reggio e Modena, in collaborazione con il Servizio di Igiene Pubblica, si sono prontamente attivati per organizzare tempestivamente i trattamenti nei luoghi di residenza e di lavoro delle due persone che hanno contratto il virus.

L'infezione si può trasmettere principalmente con due modalità: tramite la puntura di zanzare tigre infette oppure in caso di rapporti sessuali con partner maschile infetto.

L'Ausl ricorda che la malattia non pericolosa per l'adulto e si manifesta di solito con sintomi lievi: febbre, dolori ossei e muscolari, manifestazioni cutanee che ricordano quelle da morbillo, a volte accompagnate da prurito.

Per impedire la diffusione a livello locale quando viene segnalato un caso, anche solo sospetto, vengono effettuati trattamenti di disinfestazione nell'area di 100 metri attorno al domicilio e ad eventuali altri luoghi di soggiorno dell'ammalato per eliminare tutte le zanzare tigre presenti.

Le condizioni delle due persone che hanno contratto il virus non destano preoccupazione.

Finora tutti gli italiani che hanno contratto Zika virus si sono infettati durante un viaggio all'estero. Si svolgerà stanotte, nella zona sud di Modena, il primo dei tre interventi di disinfestazione. L'intervento sar preceduto da comunicazioni via altoparlante da parte della Polizia municipale e dall'affissione di volantini. Tenere le finestre chiuse e tenere al chiuso anche gli animali domestici e coprire con teli in plastica la cuccia e i giochi. Anche la frutta e la verdura degli orti deve essere protetta in modo ermetico. In caso di contatto accidentale con il prodotto insetticida, lavare abbondantemente la parte del corpo interessata con acqua e sapone.

Secondo le prime ricostruzioni, l'infezione è stata contratta durante un viaggio all'estero e si è manifestata durante il rientro in Italia.

Oltre al terrore suscitato da un allarmismo mediatico che si nutre spesso di paure ingiustificate, la principale emergenza legata allo Zika è rappresentata dall'intasamento delle strutture sanitarie di riferimento, prese letteralmente d'assedio da un numero spropositato di cittadini, convinti di essere caduti vittima della patologia (spesso in modo inspiegabile) e costretti a convivere con un'atavica ipocondria, per la quale ahimè, non esistono ancora esami specifici e kit diagnostici da due dollari.