Padre orco, lasciava figli tra escrementi ea digiuno: arrestato

Padre orco, lasciava figli tra escrementi ea digiuno: arrestato

Saba Mula
Giugno 29, 2016

L'uomo avrebbe dovuto prendersi cura dei figli. Questa è solo una delle frasi pronunciate da un uomo arrestato nelle scorse ore dalla squadra mobile di Ragusa e dagli agenti del commissariato di Vittoria. Gli agenti della squadra mobile hanno scoperto ciò che avveniva per mezzo di intercettazioni disposte per altri reati e sono stati, perciò, testimoni diretti delle violenze, ascoltando le sue telefonate. Non si esclude che fosse sotto effetto di droga.

L'uomo era già noto alle forze dell'ordine per un presunto stupro sulla moglie, che era fuggita lasciando i figli con il marito dopo che quest'ultimo era tornato in libertà: i quattro ragazzi sono stati così costretti a vivere in un contesto di profondo degrado e sporcizia e avevano anche cercato aiuto presso i nonni i quali tuttavia non hanno mai denunciato quanto stava accadendo. Invece, nessuna cura per questi bambini.

Il padre al telefono con i propri genitori si vantava di avere fatto male ai propri figli e per questo veniva redarguito. E strazianti erano le telefonate dei piccoli di notte ai nonni: "Vienimi a prendere, papà non si sveglia, non abbiamo mangiato tutto il giorno". L'indagine si e' conclusa in tempi record proprio per la pericolosita' del soggetto ed il rischio che correvano i bambini, tutti molti piccoli. La casa era ricoperta di sporcizia, spazzatura, escrementi; i mobili erano distrutti e sul pavimento giacevano indumenti, materassi lerci senza lenzuola.

I bambini sono stati portati negli uffici della Squadra Mobile insieme ai nonni dove, con l'aiuto di personale specializzato, è stato spiegato loro che dovevano andare per un breve periodo in una comunità.

Lo stavano intercettando nell'ambito di un'indagine di criminalità organizzata ma hanno dovuto sospendere tutto e arrestarlo per salvare quattro bambini, i suoi quattro figli, che sottoponeva a violenze di ogni genere e che chiedevano disperatamente aiuto al telefono. L'uomo è stato arrestato dalla polizia di Ragusa e portato in carcere con l'accusa violenza e maltrattamenti su minori.